Borse cult: Hermès Birkin

Share Button

birkin-hermes2.jpg

“Un uomo che ti regala una borsa è speciale. Un uomo che ti regala una Birkin è il principe azzurro”. Citando il personaggio di Emily Gilmore del serial tv Gilmore Girls, è facile introdurre quella che rappresenta il feticcio glam più ambito dal genere femminile dotato da madre natura di classe e gusto innato.

Non una semplice cult bag modaiola e stagionale, né un banale accessorio, ma uno stile di vita, tanto che dietro alla sua creazione non ha semplicemente un team di acuti designer e accurate ricerche di mercato, ma una favola d’altri tempi, da raccontare alle figlie prima della buonanotte e che per la maison è quasi una leggenda.

La storica Birkin di Hermes nacque nel 1984 dall’estro di Jean Louis Dumas (diventato in seguito presidente della maison). Si narra che l’abbia disegnata dopo un volo Parigi- Londra al fianco dell’attrice Jane Birkin che lamentava, rovistando nella sua borsa in vimini, quanto fosse difficile trovare un modello capiente ma al tempo stesso elegante. Dumas promise all’attrice che avrebbe pensato lui a realizzarne una perfetta per le sue esigenze e vide così la luce la leggendaria Birkin, in pelle morbida e preziose chiusure color oro, declinata poi in un numero imprecisato di modelli con tanto di liste d’attesa interminabili nelle boutique di tutto il mondo.

Se la storia della borsa vi ha fatto venire i lucciconi agli occhi e la Birkin è in rapida ascesa nella vostra wish list, preparatevi a risparmiare sulle spese quotidiane, a tirare la cinghia sulle uscite del week end e concentratevi su quella che per le under 30 più che una promessa d’acquisto è un traguardo da raggiungere. Dicono che la conquista della prima Birkin scateni immediato il cosiddetto effetto ciliegia e lo smodato desiderio di una seconda e poi una terza e poi…

274 Comments

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply