Milano Moda Donna: la natura rigogliosa di Prada

Share Button

Con troppa frequenza la moda ha guardato al passato per trarre ispirazione, troppo spesso i corsi e ricorsi storici hanno monopolizzato la creatività degli stilisti: il risultato sono collezioni che non si evolvono, che non osano, ma che restano ancorate alla certezza di ciò che è gia stato e si limitano a riproporlo in chiave diversa. Spogliarsi dell’approccio tradizionalista nei confronti del fashion, è questo l’intento di Miuccia Prada che ci trasporta con la sua collezione primaverile in un bosco incantato dove i colori della rigogliosa natura si fanno vibranti, dove il verde è brillante come fosse illuminato dai raggi solari che filtrano dalle fronde ed il turchese è intenso quasi come il fondo di un lago.

prada-primavera.jpg

L’opulenza della palette di colori si riflette nei capi e nei tessuti prevalentemente d’ispirazione Jap, che riportano illustrazioni artistiche fatte di fiori stilizzati, fantasie optical, volti e sagome di donna in versione manga e micro cappe svolazzanti che spronano ad una nuova femminilità.

cardigan.jpg

E nuovo anche il modo di intendere il pantalone, dal taglio aderente che si accorcia sopra la caviglia e si arriccia sulle cosce o si fa impalpabile con una vistosa zampa d’elefante, troppo innovativa per essere assimilata al passato che fu. A rimarcare la voglia di rinnovamento è deputata la calza, pesante, lavorata e decorata volutamente stridente nei confronti della nuance della gonna a cappa a cui è abbinata, portata con Mary Jane variopinte o vistosi gambali.

calze-prada.jpg

Ma tra il concept della sfilata c’è anche spazio per l’individuazione dei trend: cardigan declinati in lungo che coprono i fianchi ma non sono oversize, il ritorno della maglina elasticizzata per pantaloni e maglie che si modellano sul corpo.

Foto da: PopCrunch

3 Comments

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>