Saldi Estate 2007: Vademecum per gli acquisti

Share Button

sldi.gif

 

Avete mantenuto fede alla promessa di risparmiare in attesa dei ribassi e finalmente sono arrivati i tanto attesi saldi! L’occasione propizia per soddisfare qualche capriccio troppo costoso o semplicemente per apportare una ventata di rinnovamento al guardaroba. Ecco qualche consiglio per non rischiare di essere fagocitate dalla corsa all’acquisto e far spese in bellezza.

Andare per negozi indossando scarpe comode è la prima regola. I piedi doloranti non facilitano la scelta del capo da acquistare e quasi sempre comportano decisioni affrettate dettate dalla sofferenza. Se decidete di impegnarvi in un tour de force per le boutique del centro, niente tacchi, meglio ballerine e calzature ultra flat: i vostri piedi ringrazieranno!

E’ consigliabile fare shopping al mattino, non solo perché i negozi sono di norma meno affollati, ma perché il corpo è meno soggetto alla ritenzione idrica e i piedi sono più sgonfi. Non rischierete di acquistare pantaloni troppo ampi e di rinunciare a decollète all’apparenza troppo strette. Senza contare che le commesse, in genere sotto stress per l’enorme affluenza tipica dei primi giorni di saldi, saranno senza dubbio più propense a consigliarvi e non dovrete sostenere lotte all’ultimo sangue per accaparrarvi la vostra taglia, motivo del contendere con le altre clienti.

Durante il full immertion di shopping concedetevi una sosta per ritemprarvi: il calo di zuccheri tipico della condizione di stress, può essere cattivo consigliere. Meglio fermarsi in un bar per uno snack allentando per qualche minuto l’ansia da saldi e riprendere più carica e agguerrita di prima. La caccia all’affare è più faticosa di quanto si possa immaginare per una vera fashionista e curiosare tra gli scaffali dei negozi, può aumentare la sudorazione. Un consiglio? Mentre si è impegnati a provare l’ennesimo capo fashion, è consigliabile approfittare del camerino per rinfrescarsi con delle salviette umidificate: la sensazione sarà rigenerante.

Cosa non comprare:
Il fatto che i prezzi siano più bassi del solito non deve far perdere di vista l’obiettività. Il capo di tendenza quest’anno, non è detto che lo sia anche quello prossimo. Escludete i colori troppo modaioli ed evitate di fare il pieno di capi troppo eccentrici che magari non si useranno più già da qui a pochi mesi. Al bando i capi che non non avete visto esposti in negozio prima dell’inizio dei saldi perchè quasi certamente derivano da collezioni passate e non sareste voi a fare l’affare, ma il negoziante poco onesto. No all’acquisto di capi di abbigliamento che non abbiano le due etichette: quella di composizione e quella di manutenzione, utili per scongiurare incidenti nella pulitura a secco o in quella domestica. Non comprate assolutamente merce di scarsa qualità: i saldi servono a rendere ragionevoli i prezzi di capi di ottima fattura, perché ripiegare su robaccia che si rovinerà di lì a poco?

Cosa comprare:

Il periodo dei saldi è quello giusto per concedersi il capriccio che mai avreste osato a prezzo intero. Un paio di sandali vertiginosi, uno stravagante cappello, la It bag che avete adocchiato parecchio tempo fa. Di questi tempi vale il detto latino Semel in anno licet insanire, (una volta all’anno è lecito impazzire) ma per evitare di farsi cogliere da improvvise crisi da shopping compulsivo e tornare a casa cariche di pacchetti e sensi di colpa è consigliabile stilare una wish list dettagliata in modo da attenersi a ciò che serve realmente.

Continua…

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply