Le Cowgirls di Hermès

Share Button

Jean Paul Gaultier ha portato sulle passerelle parigine una collezione Hermès che, pur rimanendo rispettosa, nelle linee guida, dello stile della maison, risulta inusuale ed ironica. Cowgirls della California e del New Mexico influenzate dalle atmosfere delle loro terre, facendole proprie anche parodiandole, come accade – ahimé involontariamente- in tanti telefilm Made in Usa (sono sicura che Gaultier abbia visto almeno qualche puntata di Walker Texas Ranger), pur mantenendo in ogni occasione un senso innato del gusto e della femminilità.

Le modelle, capitanate da due supertop del passato recente come Stephanie Seymour e Naomi Campbell, portano in passerella capi in suede ricchi di frange: parei, gonne, mini-abiti ed addirittura tailleur, abbinati a strepitosi stivali dello stesso pellame; le giacche, dai volumi morbidi, sono abbinate a pantaloni neri o agli ormai istituzionalizzati boyfriend jeans.

Anche le borse sono rigorosamente in vitello o in suede: sbarazzina e magnifica la Birkin frangiata. La sera vede una forte contrapposizione tra il nero degli abiti asimmetrici e drappeggiati – sempre sdrammatizzati, come per tutte le uscite del defilé, dal cappello texano – e le esplosive, coloratissime tinte di ponchi, soprabiti e tuniche impalpabili.

E per finire, una quantità considerevole di accessori, dai guanti da mandriana al cravattino indiano in pelle, dalle cinture spesso a due passanti al marchio di fabbrica, l’immortale foulard con le fantasie Hermès.

Tutte le immagini della collezione su Style.it

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply