CFDA/Vogue Fashion Fund: ricchi premi, abiti e cotillon

Share Button

Ci sono premi da esporre sulla mensola ricordandoli solo come il tributo alla propria vanità e altri, di diversa entità e ben più cospicui di una statuetta o di una targa, che contribuiscono ad incentivare la creatività, checché ne pensi chi è convinto che arte e soldi viaggino su binari paralleli.

È esattamente quanto accade con il premio CDFA/Vogue Fashion Fund, assegnato ogni anno a giovani promesse della moda che si sono distinte per originalità, estro, qualità creativa: in una parola, talento. Quest’anno è toccato ad Alexander Wang, già sotto i riflettori da tempo per alcuni degli spunti più originali visti sulle passerelle delle ultime stagioni e selezionato dalla giuria presieduta da Diane von Furstenberg.

Sbrigate le formalità burocratiche dell’assegnazione dei premi, sono state le mise delle invitate a catturare tutta l’attenzione. Come su ogni red carpet che si rispetti, anche se red carpet in senso stretto non c’era, le star hanno catalizzato l’interesse dei fotografi esibendo i più svariati look e dimostrando che certe occasioni, in fondo, creano il problema eterno del “che mi metto?” anche a chi dispone di armadi sconfinati. Non sono mancate le incertezze tra look da sfilata accanto a look da gran sera e anche qualche colpevole scivolone, come quello di Blake Lively, mortificata nell’abito dalla bellissima scollatura ma dalla lunghezza decisamente punitiva.

Più interessante e originale la regina Anna Wintour, in gonna e pull operati di Marni. Non sarà il trionfo dell’understatement cui ci ha abituato il personaggio, ma proprio per questo attira l’attenzione e precisa chi detta legge.

Anna Wintour in gonna e pull di Marni

Proprio quello che ci si aspettava anche da Agyness Deyn, di tutt’altra razza rispetto alla Fashion Queen ma altrettanto seguita: sceglie un look androgino effetto tuxedo acceso da dettagli rosso fuoco: il reggiseno da boudoir, i sandali fetish, il rossetto.

Look maschile anche per Chanel Iman, che sceglie un mood più british e meno audace rispetto ad Agyness ma lo arricchisce con dettagli civettuoli: la trina al collo, il boa di piume tra le braccia, le scarpe altissime.

Luccica invece la mise di Juliette Lewis, che opta per la trendissima tuta intera ricoperta di paillettes e fermata in vita da una cintura alta a contrasto.

Charlize Theron preferisce il classico strapless nero con drappeggio e tessuti luminosi, firmato John Galliano: una garanzia, se si aspira al giusto mix tra eleganza e stravaganza.

Nero anche per Diane von Furstenberg, con un tubino effetto charleston arricchito da dettagli lurex argento.

Foto da: Trendencias

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply