Armani come Pinocchio per la PETA

Share Button

Armani PETAEcco l’ultimo bersaglio della PETA, Re Giorgio Armani in persona. Anzi, nei panni di Pinocchio. Così l’hanno ridipinto gli attivisti che contestano la scelta dello stilista di tornare alla pelliccia dopo aver promesso in diverse occasioni di non usarla più per le proprie collezioni.

Per punirlo e sbeffeggiarne pubblicamente la mancanza di parola data, l’organizzazione ha acquistato una pagina di Variety e ha pubblicato il ritratto dello stilista con il naso allungato come il burattino di legno che non riusciva a non dire le bugie.

Lo stilista italiano è stato accusato di utilizzare pellicce di coniglio che per questa ragione vengono uccisi con uno sparo in testa, perché il pelo non subisca danni. Armani ha ammesso la colpa specificando però che si trattava di animali destinati alla macellazione a fini alimentari. Non servirà aggiungere che la PETA non ammette deroghe.

Via NY Daily News

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply