MMD ai 2017-18: Versace

Share Button

Sulla passerella di Versace alla Milano Fashion Week sfilano ragazze consapevoli di sé che però non puntano su una femminilità aggressiva ma che affermano la propria presenza. Lo dimostra anche la scelta di parole chiave riportate sui capi: unità, coraggio, lealtà, amore. Sono i termini, non-aggressivi ma positivi, di una nuova rivoluzione.

In tempi bui, quando il mondo sembra vivere una involuzione dei propri valori positivi, è un messaggio di speranza e buona volontà. La moda interpreta il proprio tempo e Versace coglie indubbiamente lo spirito dei nostri giorni.

In parallelo si assiste ad un ritorno netto della sartorialità esatta. I capi sono tagliati con estrema cura e altrettanta attenzione sagomati sul corpo della donna per esaltarne la silhouette e sottolineare quanto una cucitura, un taglio, un dettaglio possano essere definitivi nella costruzione del pezzo ma anche della personalità di chi lo indossa.

La collezione è varia, si va dagli abiti al ginocchio scivolati alle pencil skirt con spacco profondo, dai capispalla morbidi e oversize alla maglieria con lavorazioni geometriche e optical. I pezzi più belli restano tuttavia gli abiti segnati, con interessanti asimmetrie.

Foto da Vogue

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply