PFW pe 2019: Balenciaga

Share Button

La presenza nel qui e ora è l’elemento cardine intorno a cui si costruisce tutta la linea primavera estate 2019 di Balenciaga. E l’attualità è al centro della scena a cominciare dal tunnel video che ha ospitato la sfilata, zeppo di immagini generate al computer a bombardare gli spettatori.

Abbiamo una mente digitale, dice Demna Gvasalia, e il setting della sfilata in qualche modo la rappresentava. Al tempo stesso, lo show voleva portare il pubblico in un altrove creando un’esperienza davvero immersiva.

È stato possibile grazie alla collaborazione con l’artista digitale Jon Rafman che esplora le nuove tecnologie e come la società e la coscienza umana cambiano in relazione ad esse. La stessa cosa che fa lo stilista con la moda, specchio della società che racconta.

In passerella va in scena una femme fatale ultra-contemporanea che veste capi simili a creazioni tecnologiche tridimensionali: spalle decise, volumi geometrici, tagli che si potrebbero definire neo-sartoriali.

La ricerca di forma, taglio e volume in fondo fa parte dell’eredità del grande sarto Cristobal Balenciaga dunque guardare al futuro, vivere il momento oggi non significa affatto tradirlo, anzi è un vero e proprio omaggio.

Foto da Vogue

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply