L’archivio di Gucci svelato a Palazzo Settimanni

Share Button

Palazzo del Quattrocento, sfondo Firenze, storia di casa Gucci: ecco gli ingredienti della notizia che sta facendo fibrillare tutti. Gucci ha aperto il suo archivio a Palazzo Settimanni, proprio dove aprì la prima fabbrica della casa di moda nel 1953.

Il palazzo in Oltrarno si trova in via delle Caldaie ed è stato restaurato per riportare agli antichi fasti pavimenti e affreschi ma anche ridare vita allo storico archivio della maison. La sede diventa ora la nuova Casa dell’Archivio. Un altro modo per festeggiare i 100 anni di Gucci.

Articolato su 5 piani e 2800 metri quadrati, l’archivio comprende circa 40.000 pezzi che raccontano letteralmente l’intera storia della casa di moda italiana. Il direttore artistico Alessandro Michele ha spiegato di averlo pensato “come un luogo un po’ segreto dell’azienda, un sancta sanctorum da dove si parte per le terre sante di Gucci. Ho restituito al palazzo quell’aura da favola che permette, per esempio, alla saletta dell’ingresso, di diventare un’entrata in una dimensione da sogno.”

No, per il momento l’archivio non è aperto al pubblico ma la stessa sede ospiterà anche Gucci Education che vuole creare un ponte tra il passato, la tradizione, l’eredità storica e il presente, l’innovazione e il digitale. Un tragitto che la maison ha già intrapreso da anni e che ora vuole approfondire.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply