Curvy Diva

Guest designers low-cost #1: Versace Cruise 2012

versace cruise
Qui in Olanda c’e’ un bel sole primaverile che accarezza la pelle e scalda i sensi. In Italia, purtroppo, l’ondata di mal tempo sta travolgendo quanti, speranzosi nell’arrivo della bella stagione, si illudevano di potersi godere un po’ di vita all’aria aperta.

Per portare sui vostri computer, tablet e smartphones un po’ di giocosa allegria, ho deciso di iniziare la mia nuova rubrica dedicata ai guest designers delle low-cost ed alle recensioni dei loro capi, con la collezione Cruise di Versace per H&M.

Ecco i capi che ho scelto, la loro descrizione e il mio parere a riguardo: cosi’, se li trovate su internet, sapete se e cosa e’ consigliabile acquistare.
Buona lettura!  
versace top
Top di seta: morbido ed eleastico, e’ decisamente uno dei miei capi preferiti della collezione. Abbastanza lungo da coprire un po’ le parti “curvy”, scollo tondo ne’ troppo profondo ne’ troppo casto, dettaglio dorato sulla schiena che, con i capelli alzati, vi fara’ fare un figurone. Unico lato negativo, il fatto che avendo il gorgone di Versace sulla schiena, se avete voglia di mettere in mostra il vostro acquisto griffato dovete necessariamente rinunciare a un coprispalle. Comunque promosso a pieni voti.

versace cruise
Abito in jersey stampato: dunque, in se’ nemmeno tanto male. Certo, se non fosse per la stampa fruttata, nessuno lo riconoscerebbe mai come un Versace o come un abito di uno stilista affermato, visto che il tessuto e’ di quelli estivi, semplici ed elastici, un po’ poveri. Non valorizza noi “curvy” (la taglia massima comunque era la 42 olandese, cioe’ una 46 italiana, che mi fasciava un po’ troppo). Regalato ad un’amica.

versace in amsterdam
T-shirt in jersey: carina. Scollo un po’ troppo opprimente per i miei gusti, manica molto corta. Per il resto buona la vestibilita’ in relazione al prezzo. Da indossare senza troppi abbinamenti, con un paio di pantaloni bianchi o rossi, in tutta semplicita’, con ai piedi un paio di scarpe altrettanto semplici (secondo me e’ elegantissima con un paio di infradito tipo Birkenstock ). Promossa, anche se non in maniera esaltante.

versace top lilac
Top di seta: bello, bello. Se escludiamo un unico neo (il fatto che sia un po’ corto) per il resto e’ praticamente perfetto. Il simbolo di Versace e’ posizionato in maniera fantastica, tanto che sembra quasi un ciondolo. Bello il tessuto di seta, elastico e morbido al tatto. Una buona scelta, sicuramente.

versace
Mini cardigan: comodo e funzionale. Io l’ho scelto per arricchire gli abitini tinta unita che ho (lilla, viola, rosso, verde, bianco, rosa sono i colori facilmente abbinabili), ma puo’ essere simpatico anche su top e jeans. Il tessuto cede molto, peccato pero’ che i bottoncini, chiusi, creino il solito effetto di forzatura, proprio dei capi elasticizzati. Percio’, lo preferisco decisamente aperto. Promosso.

versace lingerie
Kimono in seta: pretenzioso ma comodo. Non poteva mancare la lingerie: ecco la giacca da camera a kimono in pura seta. Il tessuto e’ appropriato e personalmente la sensazione della seta lucida sulla pelle mi fa sentire sempre molto molto star, non so se capita anche a voi. Ottima anche la vestibilita’: le maniche sono larghe, la cintura e la mancanza di vincoli nella chiusura consentono di indossarlo a chiunque. Un’unica domanda: avete occasioni in cui sfoggiarlo?

In this pictures:
Versace for H&M Cruise Collection silk top
Versace for H&M Cruise Collection dress
Versace for H&M Cruise Collection silk top
Versace for H&M Cruise Collection t-shirt
Versace for H&M Cruise Collection cardigan
Versace for H&M Cruise Collection silk kimono

 

Ti potrebbero interessare anche:

7 commenti to "Guest designers low-cost #1: Versace Cruise 2012"

  1. Francesca ha detto:

    Le cose che preferisco: il top rosa e quello lilla (mi piace molto l’intreccio delle bretelle). Non essendo un’amante delle fantasie, invece, ho qualche problema con il resto, ma visto che ultimamente sto riuscendo a trasformare il mio armadio inserendo qualche colore tra i tanti capi total balck, forse un giorno potrei arrivare anche a una bella fantasia come questa!!!!!

  2. Linda ha detto:

    Io non sono riuscita ad acaparrarmi nulla (avrei coluto tanto il kimono)

  3. Caterina ha detto:

    Il minicardigan è favoloso! Lo adoro, mia sorella è riuscita a prendermene miracolosamente uno, devo dire che lo amo, soprattutto in questo periodo che ancora non fa caldissimo, lo uso sia la sera magari sopra un tubino nero, che di giorno sui jeans

  4. Dharma ha detto:

    Capi molto carini, peccato non sia riuscita ad accaparrarmi nulla, sigh 🙁

  5. Lisa ha detto:

    Mah, sinceramente vivo molto bene anche senza, non è che mi facciano impazzire questi capi

  6. Celeste ha detto:

    Concordo con i commenti in generale: meglio la tinta unita della fantasia tuttifrutti

  7. barbamamma ha detto:

    Postaci qualche outfit in cui li hai utilizzati!
    Sono curiosa di capire se sono mettibili o no

Trackbacks/Pingbacks

  1. Curvy Diva Planando verso Capri
  2. Curvy Diva Isabel Marant pour moi

Lascia un commento per Dharma

I più letti del mese

I più commentati