Womanlifestyle

Celebrity Lifestyle// Come si indossa la giacca di pelle? Ce lo spiega Jessica Alba

Di capi must have ce ne sono tanti, ma non tutti hanno la capacità di restare tali per lungo tempo. Altri, invece, sono così universali ed eterni da non passare mai di moda e resistere agli anni. Certo, subiscono anche loro le reinvenzioni e trasformazioni necessarie per passare con disinvoltura da un’era all’altra, ma restano comunque quel “porto sicuro” verso il quale ci rivolgiamo quando vogliamo essere certe di non sbagliare.

Lo sa bene Jessica Alba che negli ultimi tempi si ostina imperterrita ad indossare il medesimo chiodo in pelle, adattandolo ad ogni look e situazione, lasciando al resto dell’outfit il compito di renderlo ora romantico, ora grunge, ora rock.

Alle malelingue secondo le quali un’attrice del suo calibro dovrebbe sfoggiare capi nuovi ogni giorno,  rispondo che mi piace l’idea di immaginare queste donne celebri quali comuni mortali, innamorate di un capo a tal punto da non potersene proprio liberare. Come facciamo tutte noi dopotutto, no?

Vi suggerisco, quindi, di lasciarvi ispirare dalla protagonista di Flipper (la ricordare anche voi nel serial di fine anni ’90, vero?) e di investire con gioia in un capo sicuramente versatile come la giacca in pelle, perchè capace di reinventare i vostri look autunnali- da giorno e da sera-, conferendo loro un volto del tutto nuovo e, spesso, inaspettato. SEE MORE…

Shopping consolatorio, ma low cost

 

Tacciate di essere superficiali, accusate di essere materialiste, noi donne abbiamo costantemente il dito puntato da chi è convinto che informarsi sulle ultime tendenze, cedere ad un acquisto impulsivo, nascondere un altro paio di scarpe sotto il letto sia peccaminoso ed immorale. La verità è che non c’è nulla di più soddisfacente ed elettrizzante di un auto regalo, di una piccola indulgenza fatta a noi stesse, noi che spesso siamo fin troppo rigide nella nostra vita. Niente sgarri a tavola, niente seconde possibilità a chi ci ha tradite, niente tempo libero da rubare ad impegni che ci sembrano più importanti. Così cedere alla tentazione di una nuova borsa ci appare rassicurante e consolatorio. Certo, non risolverà i grandi misteri della vita, ma rilascia tanta adrenalina quanto basta per coglierne i frutti almeno per due giorni.

Starete pensando- e soprattutto voi maschietti, so che siete pronti a scrivermelo nei commenti- che questi piccoli premi hanno un costo e che potremmo pagare cara la nostra “consolazione”. In realtà ogni cosa varia da donna a donna, per quel che mi riguarda nulla riesce a soddisfarmi tanto quanto un regalino low cost, lasciando i premi più costosi a momenti in cui il portafogli lo permette o, magari, in prossimità di ricorrenze quali Natale e compleanno durante le quali tutto sembra essere permesso.

Qualche tempo fa, ad esempio, mentre gironzolavo per il web tra un impegno lavorativo e l’altro, mi sono imbattuta in una borsa elegante e sfiziosa, ma decisamente low cost. Forme squadrate, vernice stampa coccodrillo, patta anteriore da chiudere con calamita, insomma una borsa a mano bellissima da riservare ad uscite serali, ma capiente quanto basta per trasportarvi anche le scarpe di riserva.

Una soluzione perfetta, insomma, per soddisfare la mia voglia di cose nuove senza rischiare inutili sensi di colpa che annullano tutti gli effetti benefici dello shopping.

Tra l’altro c’è da aggiungere che sono sempre stata abbastanza riluttante all’idea di acquistare borse da grande distribuzione, per paura che potessero avere quella terribile “allure” cheap e dozzinale tipica. In realtà questo modello di Moony Mood è fatta talmente bene da non passare mai inosservata e, magari, potrebbe essere la scelta vincente per chi sta risparmiando per in vista di un acquisto più importante, ma non vuole rinunciare ad avere nel frattempo un oggetto nuovo e sfizioso. SEE MORE…

Scarpe flat: una scelta comoda e glamour

Nonostante il tacco 12 sia ormai divenuto emblema di donna e femminilità, ci sono situazioni nelle quali siamo costrette a rinunciare a quel piccolo- ma tanto scomodo- aiutino e “scendere” sulla terra ferma.  Immaginate quanto sarebbe complicato svettare per un’intera giornata su trampoli vertiginosi dividendosi, nel frattempo, tra impegni lavorativi e familiari senza fermarsi un attimo.

Per fortuna, però, già da qualche anno il mondo della moda sembra essersi ricordato di quanto possano essere scomodi i tacchi in certe occasioni e, anno dopo anno, ci propone alternative flat sempre più accattivanti da sfoggiare fiere senza perdere punti in quanto ad eleganza.

Scarpe basse, certo, ma non per questo poco chic, anzi! Guardate la proposta di Friis & Company con punta in vernice ed applicazione in metallo impreziosita da strass, non ha un’allure aristocratica decisamente glam?

Per l’autunno/ inverno 2012- 2013 i modelli tra i quali scegliere sono così tanti che non trovare quello adatto alle proprie esigenze è praticamente impossibile.

Sleepers, derby, ballerine: non avrete che l’imbarazzo della scelta, perciò buono shopping a tutte.

Alessandra’s Lifestyle// New Version Of Me

È sempre difficile per me riuscire a scrivere di me stessa, probabilmente perché non penso di avere grandi storie emozionanti da raccontarvi, io che amo così tanto il mio lavoro da sacrificare troppo spesso il mio tempo libero.

Dopo questa piccola premessa, ho pensato sia arrivato il momento di aprire un discorso che mi sta molto a cuore, probabilmente troppo personale, certo, ma che potrebbe essere d’aiuto a tante ragazze che si trovano oggi nella situazione in cui ero io un anno fa.

Parliamo di perdita di peso, di cambiamenti drastici del proprio aspetto nell’intento di ritrovare quell’autostima che nel tempo è andata perdura. Perché vi parlo di questo? Il motivo è semplice: nell’ultimo anno (già, è passato proprio un anno!!!) un cambio di stile di vita, di alimentazione e l’assistenza costante da parte di una validissima dottoressa, mi hanno portata a perdere 23kg (tutti regalatimi dalla cara e vecchia università), a riacquistare la fiducia in me stessa ed a riprendere in mano la mia vita.

Non è stato un percorso semplice, soprattutto non è stato facile imboccare la strada giusta. Dopo anni di fallimenti, sconfitte e tentativi inutili, mi sono resa conto che non avrei cambiato la mia vita dall’oggi al domani e che tanto valeva scegliere una strada salutare e godersi il lungo viaggio fino alla meta, con pazienza, costanza e sacrificio. Mi sono detta che non soltanto alla fine del mio percorso avrei potuto gustare la gioia e le soddisfazioni di un viaggio così difficile, ma che il mio viaggio sarebbe stato un cammino fatto di tante vittorie da assaporare giorno dopo giorno, settimana dopo settimana e che la mia autostima sarebbe cresciuta lungo la strada, non alla fine.

Ho intrapreso il mio percorso, certa del fatto che mai e poi mai avrei avuto il fisico mozzafiato di Adriana Lima, ma allo stesso tempo ho voluto concedere a me stessa la possibilità di essere nella forma migliore che madre natura possa mai concedermi. Niente liposuzioni, bisturi o iniezioni varie per me, soltanto sana alimentazione, sport e lunghe camminate nel posto della mia città che più amo: il lungomare.

Il risultato? Dopo un anno e tanti chili persi posso finalmente dire di essere contenta di me: mi sento più bella e più soddisfatta, una ragazza normale che non farà mai la modella -e con questo pensiero ho fatto subito pace anche perchè non ho mai avuto alcuna intenzione di esserlo-, ma soprattutto con una salute di ferro.

Forza e coraggio, dunque, tenete sempre a mente che con costanza e determinazione si può arrivare ovunque e che cadere è umano, ma lo è anche rialzarsi.

 Buona fortuna! 

Purse Lifestyle// La mia maxibag Pieces

Chi mi conosce bene lo sa- e sono certa che ormai ve ne sarete accorti anche voi- quando mi ritrovo con lo stipendio in mano il mio primo pensiero va agli accessori. Borse e scarpe, infatti, sono il mio chiodo fisso, una passione alla quale faccio fatica a rinunciare perché fermamente convinta che la giusta borsa ed il giusto paio di scarpe possono dare personalità anche all’outfit più anonimo.

Così in prossimità del mio compleanno (ok, lo so, ogni scusa è buona, ma il compleanno è pur sempre il compleanno no?), mi sono lasciata tentare dall’acquisto di una borsa – anzi due, ma l’altra la vedrete in un altro- di Pieces.

Una borsa a mano di color fango, ampia, morbida e dotata di comode clip laterali che permettono di renderla più o meno capiente a seconda delle esigenze. Mi piace perché ricorda vagamente, senza replicarla fedelmente, la celebre Antigona di Givenchy- che rimane comunque a stazionare (speriamo non per molto) nella mia wish-list- e poi perché è di buona fattura, piacevole al tatto ed elegante. Perfetta per essere indossata in ufficio, o quando si esce di casa al mattino senza conoscere anzitempo l’ora in cui si rincaserà.

Insomma, mi ritengo molto soddisfatta della mia nuova “compagna di viaggio” soprattutto perché, da quando è approdata nella mia collezione, non sono più costretta a lasciare a casa il mio iPad, ma anzi posso portarlo con me senza doverlo preferire ad altri “beni” di prima necessità. SEE MORE…

I più letti del mese

I più commentati