Icone di stile: Daphne Guinness

Share Button

Daphne Guinness

Ho un ricordo personale legato a Daphne Guinness. Mi capitò di vederla per la prima volta anni fa mentre veniva intervistata in occasione di un importante evento mondano a Londra. Un’immagine difficile da dimenticare. Di una donna lontana dagli stereotipi, sostenuta sempre da uno squisito senso del gusto, perfetta oggi come lo era in quella lontana sera di novembre, quando fasciata in un impeccabile abito nero, su cui scintillava una piccola e aristocratica spilla bianca, senza profferire parola, con lo sguardo alto sulla folla, avanzava tra gli ospiti, suscitando ovunque ammirazione e incanto. Brusii e invidia.

Nata nella ricchissima famiglia dei Guinness, famosi produttori della omonima birra, fin dai suoi primi passi Daphne respira un’aria straordinaria. Fatta di glamour e genialità. Cresciuta a gomito a gomito con Dalì e la sua scuola surrealista, la giovanissima ereditiera impara da subito quindi a raccogliere e sviluppare i semi del suo stile inconfondibile. Della sua eleganza ormai leggendaria. A Barcellona vive una stagione senza uguali che tutti noi le invidiamo e di cui del resto parla spesso e volentieri.

Daphne

Uno stile quello della Guinness, basato prevalentemente su due colori, su due assoluti, il bianco e il nero (su cui cadono a volte piccole gocce di colore, preferibilmente il rosso e mai motivi floreali che tutt’al più, ci ricorda lei con un sorriso, indossa qualche volta in spiaggia) e che non guarda certo alle ultime tendenze della moda, al diktat di questo o quel designer, ma che piuttosto ricerca una perfezione. Perfezione che trascende l’istante, l’oggi, e invoca invece il taglio impeccabile, la linea che non tramonta.

Il capo che veste corpo ed anima. Questo è dopotutto ciò che rende un abito di Chanel così perfetto anche a distanza di tanti anni. Questa è l’ inossidabile garanzia che ci offre l’Haute Couture. Ore di prove, di spilli che pungono ma che alla fine regalano un istante di verità, una seconda ed incantevole pelle. Tutto questo, si lamenta ancora Daphne, oggi si va velocemente perdendo. Le mode e le donne cambiano ad una velocità inaudita: “lo stile è come un rosè senza corpo e sapore, una parola desolatamente annacquata. Tutti si assomigliano, tutti ahimè collezionano inutili must have”. Un sussurro che si perde subito nel brusio assordante della moda.

Foto da: TheFashionsSpot

2 Comments

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply