Design Week 2010: il Camparitivo di Matteo Ragni alla Triennale di Milano

Share Button

Se ha compiuto 150 anni ed è ancora uno degli aperitivi più amati al mondo e leader in Europa, addirittura il primo monodose che risale al 1932, un motivo c’è. Probabilmente risiede nella capacità di rinnovarsi e interpretare il proprio tempo. Campari si rinnova di nuovo e per festeggiare il compleanno propone un’installazione in collaborazione con l’architetto Matteo Ragni che ha ideato uno spazio presso la Triennale di Milano in occasione della Design Week 2010: il Camparitivo.

Camparitivo

Il concept si chiama Futuro Meraviglioso, il marchio si proietta nel futuro e in un ideale anno 2160 si apre lo spazio del bar ad alto tasso di design, ambiente perfetto per l’incontro, lo scambio, la riflessione. Specchi ricoprono le colonne e riflettono l’ambiente circostante del Parco Sempione, la realtà entra nello spazio ideale e lo colora di verde, ma vi partecipano con la loro presenza anche avventori, passanti, scorci di città.

All’interno illumina l’ambiente la lampada Fortunata disegnata da Matteo Ragni e realizzata da Danese riprendendo i triangoli di Depero che caratterizzano la bottiglietta del Camparisoda. La sedia è l’oggetto principe dello spazio aperitivo e si chiama Camparina, prodotta da Plank in rosso e ispirata ancora al Camparisoda.

Camparitivo

Ma lo spazio merita una visita anche per il progetto costruito tutto intorno che permette di gettare uno sguardo a quel futuro meraviglioso prefigurato da Matteo Ragni: sono state allestite installazioni permanenti cui si accede attraverso dieci porte per scoprire scenari futuri incentrati sui temi della donna – libertà, fertilità, vita; del pianeta Terra – che è casa e culla della vita stessa; della tecnologia – un percorso che procede sempre in avanti; della cultura – luce che illumina le nostre menti.

Varrà al pena farci un salto per riscoprire il piacere di un aperitivo in chiave nuova ma con la sua dimensione profondamente sociale e uno sguardo al futuro, sentendosi proiettati fisicamente in quel domani che ci si augura possa essere davvero meraviglioso come auspicato da Ragni e Campari.

Sponsored Post

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply