PFW ai 2012-13: McQueen

Share Button

Alexander McQueen avrebbe amato questa sfilata che Sarah Burton presenta a Parigi in suo nome e che celebra il genio dello stilista tormentato che portava in scena i suoi fantasmi. Sempre, però, emerge dal tocco della designer che ne ha preso il posto un orientamento più ottimistico, capace di guardare al futuro con atteggiamento positivo e aperto, che è diverso dall’involuzione e dal ripiegamento che spesso serpeggiava tra le linee firmate dallo stilista.

Le forme, i volumi, qui sembrano esplodere. I materiali si gonfiano e si fanno struttura, siano essi pizzi o pellicce, lane o piume. Le linee sono spesso stravaganti, certo impossibili da interpretare in qualunque contesto possa venirci in mente salvo forse qualche evento davvero speciale, che non fa parte della vita di nessuna di noi. Rimangono però incredibili sculture sartoriali da ammirare e scoprire nei mille dettagli capaci di catturare l’occhio.

Foto da Style.com

13 Comments

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply