Nathalie Djurberg e Prada

Share Button

 

Spesso chi ama la moda non può che sentirsi attratto anche dal mondo dell’arte in senso lato. Altrettanto spesso stilisti e designer investono sugli artisti dando vita a collaborazioni sorprendenti e creative. Ma se per alcuni si tratta di mere operazioni commerciali e per altri di occasionali incontri che durano lo spazio di una stagione, è ben diverso per Prada che oltre a dar spazio a giovani artisti nelle proprie collezioni – ricorderete la linea Fairy – agisce attraverso la Fondazione Prada per organizzare e promuovere mostre ed eventi lungo il labile confine tra arte e moda.

L’ultimo evento in ordine di tempo è la mostra dedicata all’artista Nathalie Djurberg, che ha esposto le proprie opere nei locali della Fondazione all’interno di padiglioni che alludono a organi del corpo umano ma allo stesso tempo a simboli universali e archetipici. Dentro ciascun padiglione le proiezioni di video d’animazione realizzati dall’artista svedese che si serve della tecnica dello Stop Motion e di personaggi modellati a mano che ricordano molto qualcosa del primo Tim Burton.

Ironia e inquietudine, sogno e incubo, gli opposti si incontrano nelle opere dell’artista senza smentirsi a vicenda, ma convivendo all’interno del mondo fantastico che Prada ha voluto promuovere, con una mostra dedicata ma anche con un libro, Nathalie Djurberg. Turn into Me.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply