CFDA FASHION AWARDS 2008: promosse e bocciate

Share Button

Si è tenuto ieri sera a New York l’annuale appuntamento con i CFDA Fashion Awards, i premi dedicati ai designer americani che più si sono distinti per meriti nei dodici mesi precedenti. Come al solito, sul red carpet si è vista una fauna molto variegata e a tale proposito vi mostriamo alcuni outfit delle celebrities presenti all’evento.

EVA LONGORIA CFDA

Iniziamo dalla casalinga disperata Eva Longoria, che si è presentata in un abito linea tubino rosa che a lei dona – io il total pink non lo indosserei mai -, probabilmente anche per l’immagine un po’ da Barbie dell’alta società a cui la associamo un po’ tutti da quando interpreta, in Desperate Housewifes, il ruolo di Gabrielle Solis. Però però, qualcosa che stona c’è: non pare anche a voi che abbia un pochino esagerato col push-up? Se vista di fronte appare pare molto prosperosa, la cosa non trova assolutamente riscontro nelle foto di profilo. Eva cara, i latini inventarono la preziosa locuzione secondo la quale “in medio stat virtus”. Meglio dar retta a loro.

Victoria Beckham CFDA

Grossa perplessità suscita in me Victoria Beckham, ormai vestita da Marc Jacobs anche quando va a fare la spesa (anche lei mangerà…o forse no?). Questo abito nero monospalla con increspature a forma di cuore, di per sé delizioso, addosso a lei risulta artificiale, troppo plastico, forse anche per le sue posture che danno l’idea che non riesca a rilassare un muscolo del corpo nemmeno dopo ore e ore in piedi dinanzi ai fotografi. Ma come fa?

Kim Cattrall CFDA

Certo, non tutti possono avere l’eleganza di Kim Cattrall, Giunone dei nostri tempi avvolta in uno spendido abito-tunica monospalla con bretella gioiello. Aumentano i fascino dell’ attrice il suo trucco estremamente semplice, i gioielli minimal ed i capelli tirati indietro. Non c’ è che dire, per le sue protagoniste “Sex & the City” è stata davvero una grande palestra di stile.

Foto da: FabSugar e Juicy UK

1 Comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply