Calvin Klein ai 2018-19

Share Button

Raf Simons è arrivato alla guida di Calvin Klein e sta risollevando da solo le sorti dell’intera New York Fashion Week che appariva vagamente sotto tono rispetto ad altre stagioni. Sulla passerella autunno inverno 2018-19 prende vita uno spettacolo che si farà ricordare.

Lo scenario sembra un ipotetico, gigantesco granaio di una fattoria immaginaria e post-moderna, completamente ricoperto di incongrue decorazioni che vanno dalle foto di Andy Wahrol alle sculture di Sterling Ruby, con il risultato di offrire un setting allucinatorio ai capi della collezione.

È la terza collezione di Raf Simons per Calvin Klein e si può dire che questa direzione artistica è ormai giunta a completa maturazione. Un anno dopo il debutto, lo stilista dimostra di avere molto da dire e di sapere esattamente come farlo.

Abbandonato il minimalismo che per decenni ha caratterizzato le linee di Calvin Klein, qui si punta sul massimalismo: gonne lunghe e ampie sbucano da capispalla maschili oversize, enormi guanti argentati si portano con abiti da sera candidi ed eterei, capispalla animalier contrastano con altri cappotti in arancio con bande riflettenti, quasi da pompiere.

Foto da Vogue

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply