PFW pe 2020: Maison Margiela

Share Button

Sintetizzare la collezione primavera estate 2020 di Maison Margiela in una parola sola? Facile, buchi. È proprio questo il termine che meglio esprime l’elemento chiave ricorrente di tutta la linea immaginata da John Galliano. Eppure non è esaustivo.

I trafori sono presenti quasi su tutti i capi, che si tratti di completi pantalone, abiti o capispalla. Ma ovviamente c’è anche molto di più a cominciare dalla consueta ricerca sui volumi che tanto piace allo stilista, anche se qui evita derive esagerate.

In passerella sfila una collezione ispirata alla storia e in particolare alla storia della Seconda Guerra Mondiale, alle lotte contro il nazismo, agli eserciti di soldati e infermiere che hanno resistito. Tutti i pezzi si ispirano nello stile a questo concetto di fondo. Ma poi…

Ma poi, ovviamente, l’estro creativo del designer imbocca direzioni del tutto inaspettate. Ci sono le cappe e i cappotti di stampo militare, i camici da ospedale, le gonne rigorose sotto il ginocchio dalle silhouette anni Trenta e Quaranta. Ma tutto è rivisto dalla lente deformante dello stilista. E della maison che rappresenta.

Foto da Vogue

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply