Valentino Re-Signify si sposta a Pechino

Share Button

È un discorso già avviato quello che Pierpaolo Piccioli sta facendo insieme a Valentino, la maison che dirige, e che arriva alla sua seconda fase. Si chiama Re-Signify Part II ed è la seconda tappa di un percorso alla ricerca di nuovo senso per i codici di stile della casa di moda italiana in dialogo con la ricerca artistica contemporanea.

Il nuovo progetto è stato allestito a Pechino e inaugurato il 17 Ottobre. Resterà aperto fino al 7 Novembre negli spazi del SKP South. Valentino Re-signify, Part II, Beijing è il titolo della mostra curata da Mariuccia Casadio e Jacopo Bedussi che racconta come la maison stia ridefinendo il proprio stile attraverso un confronto aperto con l’arte contemporanea.

L’intero percorso ruota intorno a quattro nuclei: Couture, Atelier, Stud e VLogo Signature. I capi scelti per la mostra sono “come sassi in uno stagno” secondo Piccioli. Le onde che emanano da ciascuno di essi incrociano altri stili e altri stimoli, avviando un processo creativo che si interseca con quello di altri artisti. Ciascuno dei quali si interroga sulle stesse tematiche, risponendo a modo proprio e con il proprio linguaggio.

I nomi degli artisti che partecipano? Cao Fei, Xu Zhen, Gioele Amaro, AMKK, Jonas Mekas, Jacopo Benassi, Robert Del Naja, Wu Rui, Robert Muller, Liu Shiyuan, Cheng Ran, Shen Xin, Xu Wenkai, Yeesookyung, Nick Knight, Alessandro Teoldi. Gli abiti di Valentino invece sono tratti dagli archivi e dalle collezioni couture del passato e del presente.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply